mercoledì 20 febbraio 2013

CON QUELLA FACCIA UN PO' COSI'...

...quell'espressione un po' così, che abbiamo noi che abbiamo visto Genova...

Eh sì, ogni volta che vado a Genova mi risuona nella mente l'intramontabile canzone di Paolo Conte. E più la riascolto, più mi rendo conto che le parole usate dal grande cantautore non potevano essere più giuste.
"Gente selvatica" questi Genovesi... In effetti sì, per lo meno all'apparenza. 
Ed è proprio questo che mi piace di questa città e dei suoi abitanti: questa scorza così dura al primo tocco, che però nasconde un cuore grande. 
Già, perché dopo la sua iniziale reticenza, il Genovese ti sarà per sempre amico. Un grande amico.

Domenica scorsa ho "rapito" la mia mamma e l'ho portata proprio a Genova. Nessuna delle due era particolarmente in forma (una per i suoi motivi, l'altra -la mamma- perché oltre ai suoi deve sobbarcarsi anche quelli della figlia), ma la giornata al mare ci ha fatto un gran bene. Senza dubbio. 

Prima tappa: mostra fotografica di Steve McCurry al Palazzo Ducale. 


Oltre ai viaggi, alla lettura e all'enogastronomia, una delle mie grandi passioni è la fotografia (non a caso la mia compagna di viaggio preferita è la mia Nikon). 
Avevo già assistito a una mostra dedicata a McCurry qualche anno (e vita) fa a Milano, ma vi assicuro che questa mi ha lasciato letteralmente senza fiato. Fortunatamente è stata prorogata sino al 7 aprile, per cui, se avete la possibilità, non fatevela scappare. 
I miei complimenti non vanno solo al fotografo (la cui capacità nel catturare l'animo umano attraverso l'obiettivo è indiscutibile), ma anche a chi si è occupato dell'allestimento, di un impatto scenografico unico. 
Oltre 200 immagini divise in 5 tematiche: scoperta, vertigine, poesia, stupore e memoria. Il tutto raccontato dallo stesso McCurry attraverso l'audioguida che (udite, udite) vi viene data in omaggio. 

E per mantenere i benefici di tale magia, dove potevamo andare a pranzo io e la mia mamma, in una splendida giornata di sole? 
Esatto... A Boccadasse!


Per chi non la conoscesse, Boccadasse è un antico borgo marinaro situato nella Genova "di Levante". 
Con le sue case dalle tinte pastello, ha saputo preservarsi dal passare del tempo mantenendo immutato il suo fascino. Ma tutto è fuorché un museo! Ha una vitalità incredibile, cui contribuiscono i pescatori che continuano la loro attività e dai locali che sono sorti uno di fianco all'altro (bar, ristoranti, gelaterie, piccole gallerie d'arte). 
Se non sapeste di essere a Genova, potreste tranquillamente credere di trovarvi nelle Cinque Terre, ve lo assicuro.

Abbiamo pranzato in uno dei ristoranti più rinomati della zona, Vittorio al Mare. Sicuramente non è un locale dove ci si può andare tutti i giorni (la terrazza affacciata sul piccolo golfo si fa pagare, eccome), ma domenica avevamo proprio bisogno di coccolarci un po' e siamo state più che soddisfatte. 


Da Vittorio non ero mai stata, mi sono affidata al consiglio di un amico svizzero che, quando viene a Genova, su richiesta del suo bambino non può prenotare in nessun altro ristorante. E in effetti devo dire che ci tornerei anch'io molto volentieri...

L'ambiente è elegante, con tanto di rosa e candela sul tavolo (ottimo per un romantico tête-à-tête). La cucina è strettamente legata al territorio, con pesce freschissimo di prima qualità. Ecco qui quello che abbiamo scelto noi...

 Calamaretti alla Griglia

Orata alla Ligure (ossia con patate, olive taggiasche, pinoli e pomodorini)

Il tutto innaffiato da una mezza (ve l'ho detto, non eravamo in forma) bottiglia di Vermentino...

Che dire, questa giornatina ci voleva proprio... Peccato non poterle ripetere più spesso... 

Buona giornata gente, un abbraccio dal Friuli Venezia Giulia!
  

11 commenti:

  1. Ma che giornata stupenda! E chissà com'è stata felice la mamma! :D Tutto perfetto e che piattini.. la mostra di Steve la vorrei tanto vedere anche io!! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti dovevo farmi perdonare la mia intrattabilità degli ultimi periodi ;-) un bacione!!!

      Elimina
  2. bello, una giornata fra arte e buon cibo, per non parlare del luogo meraviglioso! si torna rigenerati da una sosta così!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
  3. Mi ha incantato la descrizione che hai fatto della nostra città e di noi genovesi!!! Sono felice che tu abbia passato una così bella giornata nella mia adorata città.... Dovevi passare a trovarci!!!!

    Un abbraccio
    Monica


    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica :-) La prossima volta ti avviso! Un abbraccio

      Elimina
  4. Ahahaha, sono rimasta quando ho visto la foto di Sharbat Goula! Perchè??? Leggi qui: http://thedreamingseed.blogspot.it/2013/01/impossibile-da-dimenticare-viaggio.html
    :) Son tornata da quella mostra scombussolata come dopo un lungo viaggio!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai! Bellissima combinazione :-) Un bacione

      Elimina
  5. Che meraviglia la mostra...già avevo letto da Roby le sue meravigliose descrizioni, sapere anche da te che ti ha lasciato senza fiato è ancora di più un motivo per andare...chissà che di qui ad aprile non trovi un week end per farlo! Anche io ho la mia nikon sempre con me ♥
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu riesca ad andarci Berry... E W i Nikonisti!!! :-) Un bacione

      Elimina
  6. bell'esperienza a quanto si vede dalle foto! avete sicuramente fatto la scelta giusta e poi ogni tanto fa bene concedersi qualcosa di piacevole!saluti,Peppe.

    RispondiElimina