venerdì 15 febbraio 2013

...E FAMOSE DU SPAGHI!

Buon pomeriggio gente!

Eccomi qui nella sala di aspetto di Italo, quasi pronta per lasciare la Capitale vestita di primavera e tornare nel freddo Nord...

Ma prima di partire, voglio condividere con voi il mio souvenir di queste tre giornate romane: SPAGHETTI CACIO E PEPE.

Uno dei piatti che amo di più in assoluto, semplice e gustoso al tempo stesso.

Tre ingredienti, come ci hanno insegnato i pastori che hanno "inventato" questa specialità ormai nota in tutto il mondo: pasta, pecorino e pepe nero.

La pasta, perché forniva un importante apporto di carboidrati e calorie.
Il pecorino, perché si conservava a lungo.
Il pepe nero, perché generando calore proteggeva l’organismo dei pastori dai freddi intensi delle notti all’addiaccio.
Poi quando qualcuno dei pastori aveva ammazzato il maiale, spuntava anche il guanciale essiccato e stagionato. E con l’aggiunta di fette di guanciale secco ripassato in padella con lo strutto, nasceva un altro piatto: la “Gricia".
Ma questa sarà un'altra storia... E un altro post :-)

Per oggi, famose du SPAGHI CACIO E PEPE!

INGREDIENTI (per 4 persone)

320 g di spaghetti (minimo n.5!)
100 g di pecorino
Pepe nero in grani qb

PREPARAZIONE

Tuffate gli spaghetti nell'acqua bollente salata.
Mentre la pasta cuoce, grattugiate in una capiente ciotola il pecorino e aggiungete pepe nero macinato al mulinello a piacere.
Aiutandovi con un paio di cucchiai dell'acqua di cottura della pasta, create una cremina con il cacio e il pepe.
Scolate la pasta (al dente!), versatela nella ciotola e amalgamate il tutto.

'NA GODURIA!



6 commenti:

  1. Una ricetta tradizionale e che non tramonta mai. Che bel souvenir ti porti, cara.. e che regali anche a noi! Un bacione forte e un fine settimana stupendo! :)

    RispondiElimina
  2. Ale la ricetta del cacio e pepe non l'ho mai provata....segno ed eseguo allora! :) La tua è ottima!! Grazie stella e buonissimo week end!!
    Mari

    RispondiElimina
  3. e na goduria!!! giustissimo...io la preparo spesso e ho imparato a renderla cremosa senza uso di panna e burro immagina che anche i miei bambini l'adorano. un caro saluto, peppe.

    RispondiElimina
  4. Ma he delizia!!! Un bascio grande grande e buon w.e. ... dove te ne vai questa volta? un bascio

    RispondiElimina
  5. Ah, delizia!!! Quanto mi piace, e pure la Gricia, mamma mia, mi hai fatto venire voglia di un pranzo a Trastevere, possibilmente ad aprile-maggio! :)
    Baci Ale!

    RispondiElimina