martedì 22 gennaio 2013

CRUNCHY CAKE DELLE SORELLE MACI

Credo che tutti noi "bloggers" abbiamo un primo blog di riferimento, quello da cui abbiamo preso ispirazione,   che ci ha dato l'input per iniziare a percorrere questa strada... 

Nel mio caso, si è trattato di un vero e proprio "colpo di fulmine" per Sorelle in Pentola
Ho "conosciuto" Chiara Maci attraverso la televisione, non perdendomi nessuna puntata di "Cuochi e Fiamme". 
Giorno dopo giorno ho seguito (e seguo tuttora) lei e sua sorella attraverso le ricette del loro blog, ma non solo. 
Chi conosce le "sorelle" sa che nel loro mondo trova molto, ma molto di più! 
Io mi ritrovo soprattutto in quello che scrive Chiara, anche quando esula dal discorso culinario... Tante volte mi è capitato di leggere alcune sue riflessioni sulla vita, che sembravano essere appena uscite dalla mia mente e dal mio cuore. 

E per voi qual è stato "il primo blog"?

La ricetta che vi propongo oggi è una delle prime che ho "rubato" dalle "Sorelle in Pentola"... e ogni volta è sempre un successone!

Venite a preparare con me questa golosissima "Crunchy Cake" delle sorelle Maci... L'unica variazione che mi sono concessa sono le nocciole al posto delle noci... Da buona Piemontese, nè :-)


INGREDIENTI 

450 g di farina 00
500 g di ricotta
180 g + 100 g di zucchero semolato
110 g di burro freddo
2 uova
1 bustina di lievito per dolci
100 g di gocce di cioccolato
nocciole tostate tritate (qb)
2 cucchiai di latte

PREPARAZIONE

Lavorate il burro a pezzetti con la farina.

Aggiungete le uova, 180 g di zucchero e il lievito; lavorate il tutto con la punta delle dita sino a ottenere un composto sabbioso (attenzione a non riscaldarlo troppo).

Foderate con carta forno uno stampo a cerniera (diametro 26), sbriciolatevi all'interno metà del composto sul fondo e lungo il bordo, senza lasciare buchi.

A parte lavorate la ricotta con i 100 g di zucchero rimasto e i due cucchiai di latte.

Ricoprite la base della torta con il composto di ricotta e cospargete il tutto di gocce di cioccolato e nocciole tritate. 

Sbriciolatevi sopra l'impasto rimasto, coprendo sempre tutti i buchi ma senza fare eccessiva pressione.

Infornate a 180 °C per 30 minuti in forno statico. 


12 commenti:

  1. Che buona questa tortina! :) Sostituirò solo le nocciole- causa allergia, uff- e poi mi piacerebbe assaggiarla!! :) Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Beh, che dire, anche io preferisco le nocciole e sottoscrivo la tua variante. il primo blog che ho seguito accanitamente anni fa è stato fiordizucca, mi dispiace solo che non pubblichi più niente, oggi mi piacerebbe dirle quanto mi piaceva e quante volte ho preso spunto dalle sue ricette!
    Un bacio Ale, a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho conosciuto, peccato... Un bacione!

      Elimina
  3. Alessia che buono questo crunch! Anche io seguo le sorelle Maci, sono iscritta alla loro newsletter, son molto brave!
    Il mio primo vero blog a cui mi sono ispirata e da cui ho preso il coraggio di iniziare la mia personale avventura è quello di Due Bionde in Cucina, di Sabina! E che mi ha portato a tutte voi, la ringrazio anche di questo..
    Allora, un attimo che segno la tua ricettina..
    bacione
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della segnalazione Marisa, adesso seguo anch'io Sabina... Un abbraccio!

      Elimina
  4. Ciao Alessia! Che piacere conoscerti! Mi aggiungo molto volentieri ai tuoi lettori! Buonissima questa torta :****

    RispondiElimina
  5. Alessia... ma bello che è!!! Immagino quanto sia buono... Le Maci le conosco ma non sono state loro le mie muse ispiratrici, bensì il blog di una mia amica creativa Tulimami.... vallo a vedere che è proprio carino e lei mi ha ispirato e aiutata! Un bascio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrò subito a curiosare... Grazie Patty, un bacione!

      Elimina
  6. Le Maci sono brave e hanno avuto una gran fortuna diciamocelo ma almeno sono brave e competenti! la mia ispirazione è venuta grazie al libro/film Julie & Julia
    Un bacio e ottima questa torta

    RispondiElimina
  7. Eh sì Romy, un po' di fortuna ci vuole ;-) Bellissimi, sia il libro, sia il film... Un bacione!

    RispondiElimina