mercoledì 5 giugno 2013

POLENTA E OSEI (versione bergamasca)

Buongiorno amici! 

In questi due giorni ho scoperto una città fantastica, che, pur essendo a non troppi chilometri da casa mia, vergognosamente non avevo mai visitato: Bergamo. 

La parte alta è incantevole... Ieri sera sono riuscita a ritagliarmi una breve pausa tra il lavoro e la cena per girovagare un pochino tra le sue vie e viuzze... 

Fino ad arrivare di fronte al Duomo e rimanere senza fiato. 

Ovviamente, da brava gastronomade, ho cercato di scovare anche qualche piatto tipico a me sconosciuto... 

Ed eccolo qui, uno dei dolci tipici di Bergamo: "polenta e osei". 

Per me, fino a ieri, questa era solo una specialità veneta salata a base di tordi e polenta. E invece no! 

Nella versione bergamasca la polenta è dolce e gli uccelletti sono di cioccolata o di pasta di mandorle.

Inutile dire che non mi sono solo limitata ad assaggiare, ma mi sono anche fatta dare la ricetta, che proverò non appena sarò rientrata. 

Nel frattempo la regalo anche a voi... 



INGREDIENTI 
125 g di farina di mais
125 g di fecola di patate 
250 g di zucchero 
5 tuorli 
1 limone
100 ml di maraschino 
100 ml di liquore alla vaniglia 
Confettura di albicocche
Pasta di mandorle gialla
Pasta di mandorle al cioccolato

PREPARAZIONE 
Lavorate i tuorli con lo zucchero, aggiungete la farina, la fecola e la buccia grattugiata del limone.

Versate il composto in uno stampo semisferico imburrato e infarinato e cuocete  in forno a 180° per 40'. 

Mescolate i due liquori e, dopo che la cupola sarà raffreddata, tagliatela a a fette orizzontali (3 o 4) e spennellatele con i liquori e qualche cucchiaio di confettura di albicocche.

Ricomponete sovrapponendo le fette.

Stendete la pasta di mandorle gialla e ricoprite con essa la cupola tagliando il bordo in eccesso. 

Con la pasta di mandorle al cioccolato formate dei piccoli uccellini e disponeteli sulla torta. 

Buon Appetito! 

Ovviamente saranno bene accette le vostre varianti :-) 

6 commenti:

  1. Eccome se è bella Bergamo! ci sono stata anche io anni fa.
    Buonissimaa la tua ricettina Ale!
    un bacione
    Mari

    RispondiElimina
  2. Mai stata a Bergamo...ma vorrei andarci anche solo per assaggiare questa specialità!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. eh si la parte alta di bergamo è davvero carina, e questo dolce delizioso

    RispondiElimina
  4. Bellissima Bergamo, ma questo dolce è vecchissimo ed è pressché sempre stantio...
    del resto pochi mangiano il marzapane nella pianura padana.
    La versione salata praticamente a Bergamo non è mai esistita, per quella occorre andare a Brescia.

    RispondiElimina
  5. scusami ma che cosa si mette nella pasta di mandorle per renderla gialla?

    RispondiElimina
  6. Grazie per la condivisione 😊

    RispondiElimina