giovedì 25 luglio 2013

ROMA, ATTO IV: OSTERIA DEL PAVONE

Il vantaggio di visitare (seppure per lavoro) una grande città come Roma in compagnia di abitanti del luogo è che, quasi certamente, riuscirai a evitare le trappole per turisti. 

In realtà io cerco di farlo anche quando vagabondo da sola. 

In primis affidandomi alla guida delle Osterie Slow Food che, al momento, non mi ha mai delusa. 

Poi leggendo i menu proposti, girando alla larga dai ristoranti con chilometrici elenchi di piatti che spaziano tra i generi più diversi tra loro (e soprattutto da quelli con tanto di fotografia di piatti tipo "lasagne e insalata"!).

Ma anche il contesto non è da meno. Prediligo locali semplici, con pochi posti a sedere, dove ti senti veramente un ospite gradito. 

Se poi il menu è scritto con il gessetto su una lavagna... Be', l'innamoramento scatta all'istante ;-) 

In questo caso è proprio andata così. La mia guida è stata ancora una volta Laura, che, per l'ultima serata romana insieme, mi ha fatto conoscere "L'Osteria del Pavone". 

Siamo nel cuore di Roma, a pochi passi da Piazza Navona, in una traversa di Corso Vittorio. 

Già dall'ingresso percepisci che sì, sei nel posto giusto.


All'interno pochi tavoli in legno, tovagliette di carta, luci soffuse. Tutto molto curato nella sua estrema semplicità. 

Da subito capisci che le persone che ti accoglieranno ci hanno messo il cuore. 

Il menu è scritto su una lavagna proprio di fronte all'ingresso.



La cucina tradizionale romana è dominante, ma non mancano alcune sperimentazioni che se ne discostano (io ho provato un ottimo crumble di pollo). 

Crumble di Pollo con Patate 

Oltre ai piatti scritti, troverete alcune voci fuori menu che il titolare vi elencherà (ad esempio i tonnarelli cacio e bottarga... da sogno!)

Tonnarelli Cacio e Bottarga 

Ma non sono solo l'ambiente caldo e l'ottima cucina a invogliarti a tornare. 

Un ruolo fondamentale spetta alle attenzioni giuste ma non affettate che ti riserva il personale: il bicchiere di vino come aperitivo, la disponibilità a modificare i piatti al momento (sinonimo, oltretutto, di vera cucina "espressa"), il vaso di cantucci lasciato sul tavolo a fine pasto da accompagnare al caffè... 

Bravi ragazzi (e grazie Lauretta, alla prossima!).

***

OSTERIA DEL PAVONE 
Via del Pavone 28 
Roma 
Tel. 06-68804416


  

Nessun commento:

Posta un commento